Fashion Style

Regali di Natale: quando l’artigianato Made in Italy vince tutto

Fermi tutti! Non è il solito post sui regali di Natale. Sono andata a cercare dieci proposte in grado di accontentare i palati più fini. Nessun brand ultranoto, ma la sapiente capacità artigianale italiana applicata alla realizzazione di abiti e accessori.  Pronti? Partiamo!

Emanuela Pignalosa

Le borse uniche di Emanuela Pignalosa

Sono meravigliose borse in pelle, rettile, stoffa di fogge e dimensioni diverse. Se individuate un modello che vi piace, ma non siete convinti del colore o del tipo di materiale, parlate con la designer e lei cercherà di accontentarvi con una personalizzazione quanto più vicina ai vostri gusti. Io sto aspettando la mia: a spalla, grande come piace a me, e assolutamente unica.Sono borse di contrasti,  ma senza stonature, dove il lusso è nella rottura dei canoni e l’eleganza è nel non abbinare.

Tjasa collection

Lo zoo fantastico di Tjasa

Ha iniziato con i cocktail ring, anelli importanti da indossare in occasioni speciali. Poi è passata ad orecchini, collane, spille che non passano inosservate. Uno zoo fantastico che comprende  api, scorpioni, rane, pappagalli, elefanti che brillano e aggiungono un pizzico di meraviglia ad ogni look.

Violabypullover

Le gonne da principessa di Violabypullover

Mi sono innamorata delle gonne di  Viola by Pullover questa estate e torno a fare visita al suo account con preoccupante regolarità. Sono abiti e gonne importanti, realizzate con cura utilizzando stoffe pregiate e sapienza artigianale. Mi fanno pensare alle principesse, al sole della Sardegna, ad una eleganza senza tempo.

RaptusandRose

 I pantaloni che non ti aspetti di Raptus&Rose

Silvia Bisconti è una stilista che cerca la bellezza e la mette nei suoi abiti. I suoi pantaloni, comodi e pieni di colore, sono uno di quei capi che ogni donna dovrebbe avere nel proprio armadio perchè non solo ti svoltano il look, ma ti svoltano la giornata. Se non altro per il numero di volte in cui qualcuno ti fermerà per strada per chiederti “ma dove li hai presi?”. Oltre ai pantoloni una sofisticata collezione di gonne, abiti e impalpabili pull da scoprire nel suo “Divino Shop”.

 

Anniel

Le scarpe da balletto più amate dell’Instagram

Forse le scarpette di Anniel le conoscete già. Io sono follemente innamorata di quelle della collezione bridal e anche  se  non ho nessun matrimonio in vista chissene, sono perfette per qualsiasi outfit da sera. Brillano, sono bellissime e hanno un tacco che assicura la portabilità per lunghi giri di valzer.

Beyou

 Il cashmere che fa bene di Be You

E’ la storia di un incontro quello tra la stilista Geraldine Alasio e la Mongolia, patria del cashmere. Una storia che è partita nel 2006 con il progetto TAM, un’iniziativa della Banca Europea degli Investimenti (BEI) che aveva l’intento di aiutare i Paesi sottosviluppati affinché potessero sfruttare al meglio le loro materie prime, in questo caso una fibra nobile: il cashmere. Sapienza Made in Italy e rispetto della tradizione di eccellenza,  basata essenzialmente  sulla ricerca della qualità e sulla capacità di tradurre in capi di collezione i valori di questa terra meravigliosa. Potete leggere qui la storia, perdeteci due minuti perchè vale la pena.

 

La scarpetta di Venere

Le scarpe “perbene” con un twist fashion de “La Scarpetta di Venere”

Vi ho già parlato di quanto io adori “le scarpe da zia”. De La Scarpetta di Venere, brand artigianale marchigiano,  mi piacciono le mary jane con il tacco medio in morbida pelle rossa, gli stivaletti bassi con un tocco di giallo inaspettato, le ballerine animalier così perbene da risultare perfette sotto un abito rosso o un paio di jeans. Fatevi un giro sul loro instagram e sappiatemi dire cosa ne pensate. Io amo molto.

May_Moma

I gioielli iperglam di May_Moma

Da sempre immersa e ispirata dal glamour di Milano, capitale dello stile Italiano, Simona Nicolosi ha lanciato la sua prima collezione di bijoux nel settembre del 2013. may mOma oggi conta numerosi importanti retailers come Kadewe, Yoox, Joyce e decine di boutiques nelle più importanti capitali del mondo accomunate dall’amore per lo stile e per il vero made in Italy. Io ho sempre amato i gioielli di Simona, mi hanno accompagnata nei miei momenti glamour più importanti, come un vero portafortuna.

Nanni Milano

Le cinture di Nanni Milano

La piccola maison nasce all’inizio degli ’80 dall’architetto milanese Vittorio Nanni. Cinture che si fanno notare, mixando pietre dure a intrecci di metalli, catene di ottone e ferro a cristalli colorati. Semplicemente splendide.

Barbanera

Un bonus dedicato ai maschietti: le scarpe di Barbanera

Scarpe da uomo senza tempo, artigianali e uniche. I tre soci, pur provenendo da ambienti lavorativi molto diversi (un musicista rock, un dirigente pubblicitario per marchi di lusso e un giovane imprenditore) condividono la passione per le scarpe artigianali e la convinzione che lo stile è qualcosa che puoi riconoscere solo quando lo vedi e che poco a che fare con la moda temporanea. Nel loro instagram il testosterone viaggia alto!

Il post non è sponsorizzato, tutti i brand sono stati selezionati a mio gusto. Spero piacciano a voi come sono piaciuti a me.

 

 

Italian fashion journalist. Blogger @fashionblabla. Founder of #fashioncamp.