Beata ignoranza Personal

Perchè non smetto di andare ai pressday

Aprile è il mese dei pressday, quel momento in cui l’azienda presenta le proprie collezioni agli addetti ai lavori in un ambiente decisamente meno patinato rispetto alle sfilate,  un’occasione per poter toccare con mano abiti e accessori, farsi un’idea della collezione, segnare nel proprio taccuino ( o più realisticamente scattare nel proprio iPhone) modelli che ci piacciono e dei quali parleremo più avanti.

IMG_1044

Già perchè i blog sono da sempre in season, questo significa che se io oggi parlo delle collezioni del prossimo autunno inverno l’interesse non è molto alto, ma se scrivo delle gonne che potete indossare e comprare ora, quello è un buon argomento di lettura. Ma torniamo ai pressday. Ho sentito alcune colleghe dire che sono una perdita di tempo, che nessuno mi paga per andare, che tanto non servono a niente. Sbagliato, sbagliato e ancora sbagliato. I rapporti umani sono importanti e quello è il luogo dove scambiare delle parole con chi gestisce il brand, siano pr interni o agenzie. Poi non vi lamentate se quando chiedete un indossato vi fanno una pernacchia. Ma soprattutto è il luogo dove IMPARARE. Se raccontare la moda ( o il beauty ) è il mio mestiere, non voglio farlo per sentito dire, altrimenti sono una fonte senza valore, una mediatrice di comunicati stampa o peggio una marchetta vivente. Certo, è impossibile andare ovunque, impossibile vedere tutto. Per questo esistono gli showroom con i quali prendere appuntamento durante l’anno e le agenzie da contattare se si è curiosi e vogliamo scoprire un brand.

Un consiglio: il look giusto da pressday è sempre comfy. Scarpe basse e outfit a cipolla per passare dal freddo totale al caldo infernale.

Tornerete a casa distrutte, dopo chilometri a piedi, rampe di scale, chili di cartelle stampa. E magari lì per lì non saprete cosa farvene di tutti quegli stimoli, colori, immagini, strette di mano, relazione. Ma torneranno indietro, oh se torneranno.

Grazie a Paolo De Vivo, Twin Set, Harmont&Blaine, Italia Indipendent, May_Moma, Ilaria Nistri, Studio Re, Pil e Associati, Gas Jeans, Stefanel, le ragazze di NoWords, Save The Duck.

IMG_1050

IMG_1185 2

IMG_1122

IMG_1193 2

IMG_1161 2

IMG_1060

IMG_1277 2

IMG_1275 3

IMG_1305

Italian fashion journalist. Blogger @fashionblabla. Founder of #fashioncamp.