“What Women Want (?)”: Flavio Lucchini e i suoi burqa
20 gennaio 2012
- People

 

A noi che siamo molto attente al mondo delle donne, non potevano sfuggire Flavio Lucchini e le sue mostre tutte al femminile e che erano in esposizione fino al 16 gennaio a Milano, in Via Tortona 27. In molti lo hanno definito come il nuovo Andy Warhol, sempre in equilibro sulle sottili linee di confine tra arte, vita e moda. Non senza provocazioni.

Ne sono passati di anni da quel 1965 incui un giovane Flavio Lucchini lanciò – per conto di Condé Nast – Vogue Italia e creò tutte le nuove testate del gruppo. Lui, nel campo dell’editoria della moda, ha creato quasi tutto.

 

Qualche mese fa sono stata alla 54° Biennale di Venezia, e sono rimasta molto colpita dall’allestimento a lui dedicato e dalle opere esposte (le stesse opere riproposte poi a Milano fino a qualche giorno fa). Opere che vedevano come protagoniste donne in burqa e niqab in alcuni scatti digitali. E dato che gli abiti sono la metafora dei mutamenti della società, oltre che specchio della cultura di un dato popolo, questi scatti digitali non potevano non attirare la mia attenzione.

Esistono donne che rappresentano, loro malgrado, la versione più difficile da accettare della femminilità: le donne velate, che portano sul volto il peso di un passato ingombrante che sembra ancorarsi saldamente anche al loro domani. Donne celate, donne negate. Donne a cui non è concessa la possibilità di esprimere se stesse.

“I miei Burqa sono i fantasmi di un passato che vive ancora oggi e sembra non progredire mai”, spiega l’artista.

Ed ecco allora che quell’ingombrante peso culturale si fa “leggero”, si tinge di colore, di griffe, di decori e arriva la provocazione, che parte dal nome stesso della mostra: “What Women Want (?)”. Già, perché risulta difficile pensare che le donne vogliano questo, che le donne possano accettare con rassegnazione tutto questo, pur rispettando le motivazioni cultuali e ideologiche alla base di ciò.

Ancora una volta è l’abito a fare la differenza.

 “Ho sempre visto la moda non solo come l’invenzione di uno stilista per rinnovare l’aspetto della donna o dell’uomo. Ma come un campo dove ognuno di noi può prendere quello che gli serve per costruire la propria immagine. L’aspetto delle persone cambia con il loro modo di pensare e di essere, gli abiti trasmettono questo cambiamento, ecco perché sono importanti al di là della loro funzione. Il burqa, ad esempio, parla di ieri e di oggi più di tante parole. Riflettere sui vestiti è riflettere sulle culture, le religioni, le tradizioni, il passato, il futuro e ci porta pensare alla complessità e al mistero del mondo. Così si passa dagli abiti reali all’arte contemporanea.” Flavio Lucchini

E voi? Cosa ne pensate?

N.B. Trovate alcune opere dell’artista fino al 30 gennaio 2012 a Torino, Palazzo delle Esposizioni, Sala Nervi, Corso Massimo D’Azeglio 15/b e fino al 29 febbraio a Milano, in Via Tortona 27, Milano con la mostra “Poker”, insieme a Paolo Cassarà, Toni Thorimbert e Maurizio Zorat.

  • http://outrepasser.blogspot.com Carmen

    Bellissimo articolo!
    baci

    • http://entrophiabehindgreeneyes.blogspot.com/ Nunzia Cillo

      Grazie Carmen. Ho voluto creare lo spunto per una riflessione!

Have seen
23 aprile 2014
22 aprile 2014
17 aprile 2014
16 aprile 2014

Pinko best seller

E' gia best seller l'abito anni 50 in stile vichy della collezione P/E 2014 di Pinko, qui interpretato da Alessandra Ambrosio.

La Perla Limited Edition

La Lotus Pearl Limited Edition e' immaginata come un prezioso e sensuale tatuaggio sulla pelle grazie a uno scenografico tulle serigrafato e impreziosito da piccole perle e cristalli Swarovski.

Longchamp festeggia 20 anni di Le Pliage

La maison francese di pelletteria e di prêt-à-porter festeggia quest’anno il 20° anniversario della sua borsa Le Pliage.

Emily Di Donato nuova testimonial Stefanel

Emily Di Donato è il nuovo volto della campagna Stefanel PE 2014 #FEELMORE scattata dal fotografo Matt Jones negli Hamptons.

Fratelli Rossetti lancia il nuovo bracciale Magenta

Fratelli Rossetti ha realizzato un bracciale che  richiama le forme e la famosa staffa del suo stivale più fanoso: ‘Rossetti patented’.

Facebook

Google Plus

Twitter

Follow Me @AriannaChieli
Back To Top