Beauty

Belle scoperte: Youngblood

Un mesetto fa sono stata all’Excelsior per la presentazione del brand beauty & make up Youngblood. Si tratta di un marchio di cosmetici americani  a base minerale ancora poco conosciuti in Italia, ma notissimi in America,  nati nel 1996 a Los Angeles e distribuiti oggi in America e nel Nord Europa.  La storia racconta che la sua creatrice, Pauline,  si ispirò alla natura e alla sua esperienza professionale come estetista paramedico. Durante la sua carriera, infatti, di fronte a pazienti la cui pelle aveva subito traumi a causa di trattamenti laser, acne, couperose o interventi di chirurgia plastica, aveva mostrato la sua insoddisfazione rispetto alle soluzioni make up a loro offerte.

Decise quindi di mettersi al lavoro insieme a chimici esperti e in breve tempo riuscì a formulare un fondotinta minerale in polvere dalla straordinaria copertura e dall’effetto naturale. E proprio del fondotinta voglio parlarvi perchè come ho spesso detto per me non è affatto facile trovare il giusto livello di copertura e densità di prodotto. Il Liquid Mineral Foundation è leggero e coprente, si stende benissimo e resiste un’intera giornata. Mi piace perchè non copre i segni di espressione, ma riesce  a darmi un aspetto molto sano. Assieme al fondotinta sto utilizzando un blush cremoso che mi piace sia per la texture vellutata che diventa setosa una volta distesa che per l’aria “bonne mine” che conferisce al mio viso. Mi sono piaciuti moltissimo anche l’eyeliner in gel, che il makeup artist di Youngblood mi ha consigliato in un azzeccatissimo colore viola e la cipria in polvere perfetta per un finish anti-lucido.

Inoltre tutti i prodotti Youngblood contengono diossido di titanio per proteggere la pelle dagli effetti dannosi delle radiazioni solari e sono totalmente privi di profumazioni, oli, talco, parabeni o coloranti artificiali. Per me è un si pieno.

 

 

Italian fashion journalist. Blogger @fashionblabla. Founder of #fashioncamp.

Comments (1)

  • Dove si compra in Europa? Grazie ;-)

    Rispondi

Write a comment